Gli antiossidanti più potenti in natura

Gli antiossidanti più potenti in natura

23 Novembre 2020 0

Gli antiossidanti sono fondamentali per arginare i danni causati dallo stress ossidativo, responsabile dell’invecchiamento cellulare e dell’insorgenza di numerose patologie del sistema cardiovascolare. Queste sostanze, infatti, combattono la formazione dei radicali liberi, proteggendo le cellule dall’ossidazione. In natura esistono svariati composti ad azione antiossidante, dalla vitamina E agli acidi grassi Omega 3 e Omega 6, ma la classe più potente è rappresentata dai flavonoidi, come il resveratrolo, le catechine e la quercetina.

A cosa servono gli antiossidanti

All’interno del corpo esiste un sottile gioco di equilibrio tra antiossidanti e radicali liberi. La giusta proporzione, infatti, garantisce il corretto funzionamento del nostro organismo. I più importanti radicali liberi all’interno della cellula sono derivati dell’ossigeno (ROS) o dell’azoto (RSN). La loro formazione dipende sia da processi interni, come la respirazione o il metabolismo dei lipidi, che da fattori esterni, come alcuni inquinanti atmosferici (es. ozono), la componente ultravioletta della luce solare, il fumo di sigaretta, alcuni farmaci, lo stress prolungato nel tempo, il consumo di alcol, le radiazioni, i solventi, i metalli pesanti e certi processi di cottura (es. cottura alla griglia, frittura).

In quantità ridotte i radicali liberi non sono deleteri per la salute, anzi, assolvono all’importante funzione di distruggere i patogeni che riescono a penetrare nell’organismo e sono coinvolti nei processi di maturazione delle strutture cellulari. È piuttosto il loro accumulo a trasformarsi in una reale minaccia (stress ossidativo). Quando, infatti, si rompe il delicato equilibrio tra le difese antiossidanti delle cellule e la produzione di radicali liberi, sorgono una serie di problematiche. Lo stress ossidativo gioca un ruolo decisivo nell’insorgenza di numerose patologie cardiovascolari e neurodegenerative, di alcune malattie dell’occhio, dell’artrite reumatoide e persino nello sviluppo del cancro. 

Gli antiossidanti più potenti in natura

È chiaro, a questo punto, che per combattere l’invecchiamento e le patologie che ne derivano, il corpo umano utilizza gli antiossidanti. Tali sostanze possono provenire dal cibo consumato (es. gli acidi grassi Omega 3 del pesce azzurro, il licopene dei pomodori, la vitamina C degli agrumi e dei kiwi) o dall’organismo stesso (enzimi e particolari sostanze come la bilirubina e alcune proteine del sangue). Un’altra fonte importante di antiossidanti viene dagli integratori alimentari, che rispetto al cibo vantano una biodisponibilità maggiore. I supplementi di flavonoidi, come il resveratrolo e la quercetina ad esempio, hanno un’azione antiossidante particolarmente spiccata e di conseguenza possono contribuire efficacemente alla difesa dallo stress ossidativo.