I migliori antinfiammatori per curare le articolazioni

I migliori antinfiammatori per curare le articolazioni

9 Gennaio 2021 0

L’insorgenza di dolori articolari può essere legata a differenti cause. Ci sono occasioni in cui è conseguenza di un semplice affaticamento articolare ed altre in cui è dovuta alla presenza di patologie a carico delle articolazioni stesse, dei tendini, dei legamenti o delle strutture ossee. Il dolore articolare può risolversi spontaneamente nel giro di poco tempo oppure essere persistente. In caso di persistenza si tratta certamente di una situazione più grave per la quale si rende necessario intervenire consultando un medico e giungendo ad una diagnosi precisa.

Nella maggioranza dei casi il dolore è anche associato a modificazioni di temperatura e volume in corrispondenza dell’articolazione dolorante che diventa calda, arrossata e gonfia. Rigidità articolare e ridotta mobilità sono altre possibili conseguenze di un’infiammazione a carico dell’articolazione.

Principali cause dei dolori articolari

I dolori articolari possono derivare da distinte cause. L’evento doloroso può essere legato alla presenza di infiammazioni come l’artrite oppure processi degenerativi a carico dei cuscinetti di cartilagine che si trovano tra le articolazioni. Causa dell’insorgenza di dolori articolari possono inoltre essere infezioni o patologie come la borsite, la tendinite, l’osteomielite, l’ipotiroidismo, la malattia ossea di Paget, la sarcoidosi, l’artrite psoriasica e la leucemia.

Rimedi per i dolori articolari

Esistono vari rimedi per i dolori articolari ma per capire qual è la strategia più adatta da adottare bisogna sottoporsi ad esami diagnostici e comprendere l’origine del dolore. E’ molto importante consultare un medico che indichi al paziente come intervenire in modo mirato sui fattori scatenanti.

Utilizzo di farmaci

Se il dolore articolare è di origine patologica il medico può indicare al paziente di ricorrere a farmaci topici come creme e pomate da applicare direttamente sulla zona interessata, oppure farmaci sistemici che vanno assunti per via orale o altra via di somministrazione e vengono generalmente prescritti in caso di sintomatologia più grave.

Nella fase più acuta il trattamento prevede l’utilizzo di antinfiammatori il cui ruolo è quello di ridurre l’infiammazione, limitare il dolore e consentire il movimento articolare. Esistono diversi antinfiammatori ma tra gli antinfiammatori migliori per le articolazioni vi sono i FANS, molecole farmacologiche che riescono ad agire a livello articolare riducendo la flogosi e consentendo il recupero della mobilità articolare.

L’assunzione di prodotti con proprietà antinfiammatorie deve essere seguita dal proprio medico onde evitare effetti collaterali. I FANS ad esempio possono avere una tossicità a livello gastrico se assunti in elevate dosi e per un periodo di tempo eccessivamente prolungato.