Dieta SIRT, attivatori di SIRTUINE per una salute a prova di età

Dieta SIRT, attivatori di SIRTUINE per una salute a prova di età

25 Ottobre 2020 0 Di sirt500

In uno studio pubblicato su Cell Longevity dal titolo “Nutrition and healthy ageing: calorie restriction or polyphenol-rich «MediterrAsian» diet?” si sono indagate le relazioni tra un modello dietetico costituito da alimenti tipicamente di origine mediterranea unitamente a cibi provenienti dalla cultura asiatica (principalmente giapponese) e l’incremento della prospettiva di vita.

Gli scienziati hanno battezzato questo modello nutrizionale con l’appellativo di MediterrAsian Diet, in pratica, lo stesso modello dietetico che risultò dallo studio del prof. Keys negli anni cinquanta del secolo scorso e da cui venne coniata la definizione di Dieta Mediterranea.

Ebbene, dallo studio emerge che una MediterrAsian Dietassociata ad una restrizione calorica può ritardare l’invecchiamento e diminuire l’insorgenza di patologie cardiovascolari e dismetaboliche come il diabete o le cardiopatie.

Che cosa sono le SIRTUINE?

Si chiamano SIRT, e stimolano la produzione di sirtuine, una classe di proteine fondamentali che permettono alle cellule di vivere più a lungo. Ne esistono 7, conosciute come “le proteine ANTI-AGING” e sono responsabili di una serie di processi biologici, specialmente anti-infiammatori e antiossidanti.

Le sirtuine esprimono azioni estremamente potenti:

  • Rallentano il processo di invecchiamento cellulare
  • Aumentano la resistenza allo stress
  • Regolano la traascrizione genica

Inducono le cellule verso l’apoptosi, ossia, il suicidio programmato cellulare, processo di vitale importanza attraverso il quale l’organismo riesce a liberarsi di cellule senescenti, danneggiate o mal funzionanti. Considerate che questo meccanismo nelle cellule tumorali risulta essere silenziato. Per questo motivo la restrizione calorica è risultata essere efficace nella lotta contro il cancro.

I risultati di questa ricerca dimostrano che una MediterrAsian Diet, ricca in sostanze protettive, associata ad una restrizione calorica che attiva un meccanismo sirtuin-mediato modula la sopravvivenza cellulare, previene l’insorgenza di patologie cronico degenerative e promuove salute e longevità.

I cibi che stimolano la produzione naturale di Sirtuine

I cibi che favoriscono la produzione di sirtuine sono molto più o meno comuni ed ognuno ha proprietà specifiche capaci di attivare il metabolismo. I principali sono:

  • Cavolo, capperi, cipolla rossa (cruda) e rucola: sono tutti ottimi attivatori di sirtuine grazie alla presenza di kaempferol e soprattutto quercitina, un particolare flavonoide dal potere antivirale, antiossidante e cardioprotettivo;
  • Mirtilli: I frutti del mirtillosono utilizzati come alimenti, in gastronomia e nell’industria dei liquori. Inoltre, al mirtillo sono attribuite diverse proprietà, quali: astringenti, antiossidanti, vasoprotettrici, ipolipidemizzanti, ipoglicemizzanti, antiaggreganti piastriniche, antisettiche e antivirali.
  • Poligono del Giappone: (Polygonum Cuspidatum) è uno tra i più potenti antiossidanti, svolge una azione protettiva del sistema cardiocascolare. Funzione anti-trombotica: inibisce l’aggregazione piastrinica per intervento sulla sintesi degli eicosanoidi (derivati di acidi grassi)e la modulazione del metabolismo dell’acido arachidonico.
  • Melograno: Le proprietàattribuite a questo frutto sono: antiossidante, antitumorale, anticoagulante, antidiarroico, astringente, gastroprotettivo, idratante, antimicrobico, antimicotico, antibatterico, vermifugo, vasoprotettore.
  • Magnolia: I principi attivi sono rappresentati dal magnololo e dall’onochiolo, contenuti principalmente all’interno della corteccia. Le proprietàdella Magnolia sono in grado di stimolare un generale senso di rilassamento, di curare lo stress e di attenuare l’ansia.
  • Sedano e radicchio: sono ingredienti base della Dieta Sirt perché ricchi di luteolina, un nutriente che si trova nel cuore e nelle foglie del sedano e nelle foglie rosse del radicchio, capace di stimolare le sirtuine. La luteolina è presente anche nel peperoncino, formidabile attivatore del metabolismo;
  • Noci: è l’acido gallico in esse contenute a trasformare le noci in un toccasana per la perdita di peso e la gestione di alcuni disturbi metabolici. Questo nutriente è presente anche neidatteri Medjool anch’essi consigliati (a piccole dosi) per attivare la produzione di sirtuine;
  • Curcuma: grazie alla curcumina offre numerosi benefici all’organismo, non solo per la produzione di sirtuine ma perché migliora i livelli di colesterolo, controlla lo zucchero nel sangue e riduce le infiammazioni;
  • Vino rosso: il suo contenuto di resveratrolo e piceatannolo stimolano la produzione di sirtuine come pochi ingredienti, così come il caffè, grazie all’apporto di acido caffeico e acido clorogenico;
  • Fragole: contengono molta fisetina, un nutriente che le rende importanti cibi Sirt ma che dovrebbero essere parte integrante di tutte le diete salutari grazie al basso contenuto di zuccheri;
  • Prezzemolo: questa pianta, talvolta ingrediente solo di decoro nei pasti, è una fonte di apigenina e miricetina, noti attivatori della produzione di sirtuine;
  • Cacao: 15-20g di cioccolato fondente(85% almeno) al giorno aiuta ad attivare le sirtuine grazie ad un nutriente speciale, l’epicatechina;
  • Olio extravergine d’oliva: condimento indispensabile e molto apprezzato nelle diete perché grazie alla spremitura meccanica dei frutti aiuta a conservare polifenoli, oleuropeina e idrossitirosolo, nutrienti attivatori delle sirtuine;
  • Tè verde matcha: questo speciale tè cresce all’ombra per il 90% e viene consumato in polvere da diluire nelle bevande o nei centrifugati; i suoi benefici sul metabolismo sono dovuti alla presenza di epigallocatechina che favorisce la produzione di sirtuine;
  • Grano saraceno: questa pianta molto comune (e facilmente reperibile nei supermercati) è una delle fonti più note di rutina, un attivatore delle sirtuine.

In un interessante articolo del Prof Camillo Ricordi, che si può trovare a questo link, però si tratta il problema molto più concretamente, e cioè:

Conosciamo i cibi che stimolano la produzione di SIRTUINE, ma qual è la quantità di principio attivo che devo assumere per trarne beneficio? E quante calorie assumerei se seguissi pedissequamente le dosi raccomandate?

Questa tabella è assai esplicativa, per questo motivo, al giorno d’oggi assumiamo integratori alimentari come SIRT500:

SOSTANZE PROTETTIVE  CONSUMO GIORNALIERO (selezionare un prodotto a scelta) CALORIE 
40 mg RESVERATROLO 10-12 L di vino rosso

27 L di vino bianco

33-60 Kg di Uva nera

22 Kg di arachidi

13 Kg di cacao

6.000 – 7,800

17,550

21,650 – 39,000

124,740

2,964

60 mg PTEROSTILBENE 10 Kg di mirtilli

16 Kg di ribes neri

5,700

10,800

200 mg POLITADINA 200 g di radice di Sophora Japonica Difficile da trovare e poco digeribile
5 g OMEGA3 (EPA + DHA) 6 Kg di aragosta

2 Kg di tonno

600 g di salmone

8,580

2,588

1,236

2 g di Vitamin C 4.5 Kg di arance

1.5 Kg peperoncino rosso fresco

2,025

600

7,000 di UI Vitamina D3 159 uova 11,448