Quanto a lungo si deve camminare per perdere peso in modo efficace?

Quanto a lungo si deve camminare per perdere peso in modo efficace?

8 Dicembre 2020 0

Mens sana in corpore sano. Un motto che ormai da tempo è diventato sempre più famoso nella nostra società. Sì, perché l’equilibrio psicofisico è la marcia in più che ci porta ad ottenere migliori risultati e a farci stare meglio. Molto spesso, si tende ad ignorare l’attività sportiva, non appena si supera l’età giovanile. In realtà, lo sport dovrebbe essere praticato sempre, a qualsiasi età, non solo per tenersi in forma, ma anche come rimedio allo stress e alle preoccupazioni giornaliere. Specialmente per gli adulti, l’attività motoria risulta fondamentale: una semplice camminata può migliorare la giornata. Inoltre, specialmente in un periodo in cui sono limitati gli spostamenti, praticare sport è l’unico rimedio per poter mantenere il proprio peso forma. Ovviamente, a questo va accoppiata un’alimentazione sana (perché migliorarla?). Ma ora entriamo nello specifico e vediamo come bisogna svolgere le propria camminata giornaliera.

Prima di praticare attività fisica, è molto importante un adeguato riscaldamento, che sia circa di 10 minuti. Associandolo ad una corsa o camminata veloce di 30/50 minuti, il corpo comincia a bruciare calorie provenienti dai grassi. Ma con la camminata si perde peso? Si può dimagrire la pancia? E’ fondamentale sapere che, allenandosi, diminuisce la massa grassa, ma non quella muscolare. Proprio per questo, i risultati non sono molto evidenti sulla bilancia, piuttosto si può osservare l’evoluzione del girovita. E dopo quanto tempo si vedono i risultati della camminata? I risultati si intravedono già intorno alla seconda settimana di allenamento, mentre la crescita muscolare dopo circa 3/4 mesi. 

Facciamo un esempio: una persona standard di peso 70 kg, con 1 ora di camminata a 6 km/h brucia circa 300 calorie. Ovviamente, si tratta di un esempio riduttivo, che non può essere generalizzato a qualsiasi tipologia di fisico, ma può servire a farsi un’idea, a capire quanto si dimagrisce camminando tutti i giorni.

Al di là di tutto, il trucco da utilizzare quando si pratica questa attività è uno: raggiungere la zona di resistenza. Quest’ultima rappresenta il momento in cui, durante la camminata,  si raggiunge una frequenza cardiaca del 60/75%. In questo modo, si iniziano a bruciare i grassi di riserva. E’ fondamentale girare intorno a questa zona e non strafare, non andare oltre. Infatti, non appena non si riesce a sostenere il passo, vuol dire che è stata superata. Il consiglio, quindi, in questo caso è quello di rallentare e ritornare all’andatura precedente.